“Ecco cos’è quel profumo di biscotti” è questo il pensiero che mi è passato per la mente al termine di questa intervista per Inside Musinè, questa volta ci racconta qualcosa del suo passato e della sua persona il mitico e bizzarro ,come lo conoscono scherzosamente in molti, Gianni Volpe un socio fondatore e membro dell’ establishment del Nuovo Musinè Sport Village.
L’evoluzione magica della pasticceria la possiamo riassumere come un insieme di processi chimici, precisione e dettagli certosini e Gianni che a primo impatto appare riservato e introverso sa nella vita professionale e nei rapporti umani dosare perfettamente questi ingredienti, sa scherzare, alleggerire ma soprattutto aiutare, dispensar consigli e dar conforto.
La pasticceria quindi nel suo passato e presente, lavoro che conosce grazie a suo padre ,pianezzino da generazioni, Gianni Volpe lo possiam sintetizzare, utilizzando una similitudine del suo ambito, come
un bignè dall’aspetto semplice che racchiude al suo interno un cuore caldo al cioccolato.

“ho le mani in pasta dappertutto”

Possiamo definirti uno dei soci fondatori del musine sport village?
“No, sono stato uno degli ultimi arrivati nella cordata, mio cugino mi informò di questo progetto che sembrava mastodontico, inizialmente un sogno e una sfida utopistica; non per Roberto però che aveva già pianificato ogni piccolissimo dettaglio.“

Roberto Canfora quindi non lo conoscevi?
“ Con Roberto ci lega un amicizia di quasi 50 anni, secolare – ridacchia – scorrazzavamo e giocavamo per le vie del paese già nell’infanzia (Pianezza) e circostanze un pò strane e casuali ci han portato a condividere da 6 anni tempo, idee, sogni, e passioni.”

Ti definiscono come colui che sta nell’ombra e controlla tutto condendo con il sorriso situazioni sgradevoli..

“ diciamo cosi…- lunga pausa nascondendo un pò di imbarazzo – Mi piace sdrammatizzare momenti negativi ,cerco sempre di accomodare le situazioni, non amo litigare.”

Di cosa ti occupi esattamente al musinè?

“non faccio nulla – scherza – cerco di rendermi utile in ogni circostanza dove è necessaria una mano; dalla manutenzione, all’ amministrazione ,alle risorse umane; anche se lo staff è superefficiente in ogni suo aspetto e non ha bisogno di aiuti, principalmente sto qui perchè mi fa star bene dopo un’estenuante giornata di lavoro che per me inizia molto presto.”

il Nuovo Musinè Sport Village occupa il tuo tempo in maniera parallela con un altra professione..
“Si,  ho una pasticceria a Pianezza dove trascorro gran parte della giornata lavorativa, son un pasticcere per merito di mio padre che mi ha insegnato il lavoro e suoi segreti. Creme,cioccolati e roba dolce fan parte della mia vita.. che non mangio – ride copiosamente – ho le mani in pasta dappertutto – continua sorridendo-”

Sei un grande appassionato di fitness e sport?
“Ho giocato a calcio per 30 anni, il mio sport preferito, mi reputo un buon esperto, mi piace discutere con i ragazzi che fanno i tornei qui di tattiche , delle loro partite e magari dar qualche consiglio. ”

…Tifoso del?
“Tifoso granata naturalmente, da SEMPRE, quindi con Roberto giochiamo il derby – ironizza – ”

Giochi ancora a calcio? fai ancora sport?
“Qualcosina d’estate qui nel campo di beach volley,
calcio non mi passa nemmeno nell’anticamera del cervello.”
Qualche ricordo della tua esperienza al Musine?
“Tanti, davvero tanti, il primo giorno di apertura è stato come ti avran detto tutti un inferno- sorride – tutti i soci comprese le mogli fino a notte inoltrata per permettere l’apertura ..
siamo andati via un po tardi…
Porto con me tanti momenti belli della struttura, quando c’è tanta gente sono felice , rammento in particolare la festa della donna di qualche anno fa dove noi servivamo ai tavoli e Roberto cucinava , qui si sta davvero bene. Ho tanti legami forti all’interno e mi ha tolto anche qualche anno ,mi fa sentir più giovane star in questo ambiente anche se non dipingermi come un anziano eh..”

Ambizioni per il futuro riguardo il Nuovo Musinè Sport Village?
“Siamo felici,va bene ma c’e’ sempre da migliorare e rinnovare, abbiamo un’area grossa oltre la recinzione speriamo che prima o poi qualcuno possa farsi un bel bagnetto anche se è un investimento importante.”
Tre nomi per la prossima intervista?
“Assolutamente Greta Federica e Daniele – alzandosi dalla postazione interviste sorridendo-”